Constitution of the Kingdom
of Sardinia

CARLO ALBERTO

by grace of God

KING OF SARDINIA, OF CYPRUS,
AND OF JERUSALEM

Etc., Etc., Etc.

With regal loyalty and love of Our Father We come today to accomplish what We had announced to Our most beloved subjects with our proclamation of the 8th of the February last, with which We wanted to demonstrate, in the midst of the extraordinary events which  surround the country, how Our confidence in them increases with the gravity of the circumstances and, heeding only of the impulses of Our heart,  how determined is Our intention to adapt their destiny to the spirit of the times,  for the interest and for the dignity of the Nation. 

Having considered the broad and strong representative institutions contained in the present Constitution to be the most certain means of  redoubling with the links of indissoluble affection that bind to Our Italian Crown a  People who have given Us so many proofs of faith, of obedience and of love, We have determined to sanction it and to promulgate it, in the faith that God will bless Our intentions, and that the free, strong and happy Nation will always show itself  ever more worthy of its ancient fame and will deserve a glorious future. For this reason, by  Our certain Royal authority, having had the opinion of Our Concil, We have ordered and We do order with the force of  Constitution and fundamental Law, perpetual and irrevocable from the Monarchy, that which follows:

Article 1. The Catholic, Apostolic, and Roman religion is the sole religion of the state. All other forms of worship now existing are tolerated in conformity with the law.

Art. 2. The state is governed by a representative monarchical government. The throne is hereditary according to the Salic law.

Art. 3. The legislative power shall be exercised collectively by the King and two Chambers, the Senate and the Chamber of Deputies. 

Art. 4. The person of the King is sacred and inviolable.

Art. 5. The executive power is reserved to the King alone. He is the supreme head of the state; he commands all the armed forces on land and sea; he declares war, makes treaties of peace, of alliance, of commerce, and of other kinds, giving notice of them to the Chambers as soon as the interest and security of the state allow, and accompanying such notice with opportune explanations. Treaties entailing either a financial burden or changes in the territories of the state shall have effect only after the approval of the two Chambers.

Art. 6. The King makes all appointments to offices of the state; he issues the decrees and regulations necessary for the execution of the laws, without suspending or dispensing with the observance thereof.

Art. 7. The King alone has the power to sanction and promulgate laws.

Art. 8. The King can grant clemency and commute sentences.

Art. 9. The King convenes the two Chambers annually; he may prorogue [discontinue] their Sessions and dissolve the Chamber of Deputies; but in the latter case he shall convene a new Chamber within four months.

Art. 10. The King and the two Chambers have the right to propose legislation, but all laws imposing taxes or approving the budgets and accounts of the state shall be presented first in the Chamber of Deputies....

Art. 22. Art. 22. The King, ascending the throne, will take, in the presence of both Chambers, the oath to ovserve loyally the present Constitution. . . .

THE RIGHTS AND DUTIES 
OF CITIZENS

Art. 24. All subjects of the Kingdom are equal before the law, regardless of their rank or title.

All shall equally enjoy civil and political rights and shall be eligible to civil and military offices, except as otherwise provided by law.

Art. 25. All shall contribute without distinction to the burdens of the state, in proportion to their possessions.

Art. 26. Individual liberty is guaranteed. No one shall be arrested or brought to trial except in cases and in the manner prescribed by law.

Art. 27. The domicile is inviolable. No search of domicile shall be permitted except in cases and in the manner prescribed by law.

Art. 28. The press shall be free, but the law may suppress abuses of this freedom. However, Bibles, catechisms, liturgical and prayer books shall not be printed without the prior permission of the [local] bishop.

Art. 29. All forms of property without exception are inviolable. However, when legally ascertained public interest requires it, one may be obliged to give up such property wholly or in part, with just compensation and in conformity with the law.

Art. 30. No tax shall be levied or collected without the consent of the Chambers and the King.

Art. 31. The public debt is guaranteed. Every obligation
of the State to its creditors is inviolable. 

Art. 32. The right of peaceful assembly without arms is recognized, in conformity with laws that may regulate this right in the interest of public welfare. This provision does not apply to assemblies in public places or in places open to the public. Such assemblies remain completely subject to police regulations.

THE SENATE

Art. 33. The Senate shall be composed of members appointed by the King for life; its number is not limited. . . .
Art. 34. The Princes of the Royal Family take part with full rights. They are seated immediately after the President. They enter the Semate at twenty years of age and hve the vote at twenty-five

Art. 35. The President and Vice-Presidents of the Senate shall be appointed by the King. The Senate shall choose its own Secretaries. . . .

Art. 37. Except in cases of flagrante delicto [caught red-handed in a crime], no Senator can ce arrested except by an order of the Senate. It alone is competent to judge crimes of which its members are accused.

CHAMBER OF DEPUTIES

Art. 39. The elective Chamber shall be composed of Deputies chosen from electoral constituencies in conformity with the law.

Art. 40. No Deputy shall be admitted to the Chamber unless he is a subject of the King, has reached the age of thirty, enjoys civil and political rights, and fulfills other requirements specified by law.

Art. 41. The deputies represent the Nation in general, and not solely the provinces in which they were elected. They can be given no imperative mandate by the Electors.

Art. 42. Deputies are elected for a period of five years. Their mandate expires automatically at the end of this period.

Art. 43. The President, Vice-Presidents, and Secretaries of the Chamber of Deputies are chosen by the Chamber at the beginning of every Session for its entire duration.

Art. 44. If a Deputy ceases, for whatever reason, to fulfill his functions, the Consitituency  which had elected him will be quickly convened to hold a new election.

Art. 45. Except for the case of flagrante delicto, no Deputy shall be placed under arrest while the Chamber is in session nor may he be brought before a court in a criminal proceeding without the prior consent of the Chamber.

Art. 46. No warrant of arrest for debts shall be executed against a Deputy while the Chamber is in session, nor for the three weeks immediately preceding and following such Session.

Art. 47. The Chamber of Deputies has the right to impeach the King's Ministers and bring them to trial before the High Court of Justice [the Senate].

PROVISIONS COMMON TO BOTH CHAMBERS

Art. 49. Senators and Deputies, before being admitted to the exercise of their functions take the oath of loyalty to the King and swear loyally to observe the Constitution and the laws of the State and to exercise thir functions with the sole goal of the inseparable good of the King and of the Fatherland.

Art. 50. The offices of Senator and Deputy are without remuneration or monetary compensation of any kind.

Art. 51. Senators and Deputies shall not be held accountable for opinions expressed and votes given in the Chambers.

Art. 52. Sittings of the Chambers shall be public; but when ten or more members request it in writing, deliberations may be held in closed session....

Art. 54. Deliberations are taken by majority vote.

Art. 55. All bills shall first be examined by the Committees each Chamber shall elect for preliminary consideration. After a bill is discussed and approved by a Chamber, it shall be transmitted to the other Chamber for debate and approval; thereafter, it shall be transmitted to the King for his sanction. .

Art. 56. If a bill is rejected by one of the three legislative powers [Chamber of Deputies, Senate, and the King], it shall not be presented again during the same Session....

Art. 62. the Italian language is the official language of the Chamber. It is, however, optional to use French for those members who belong to areas in which it is used or in response to the same. . . .

Art. 64. No one shall be a Senator and a Deputy at the same time.

ON MINISTERS

Art. 65. The King appoints and dismisses his Ministers.

Art. 66. Ministers do not have the right to vote in either of the Chambers unless they are members thereof.

They do have the right of entrance [to both Chambers] and the right to speak.

Art. 67. Ministers are responsible. Laws and Acts of the Government do not come into force without the signature of a Minister.

ON THE JUDICIARY

Art. 68. Justice emanates from the King and is administered in his name by such judges as he shall appoint.

Art. 69. Except for cantonal judges, judges appointed by the King shall be irremovable after three years of service.

Art. 70. Courts, tribunals, and judges currently existing are retained. The judicial organization may not be altered except by legislation.

Art. 71. No one shall be withdrawn from his ordinary legal jurisdiction. Consequently, no extraordinary tribunals or commissions shall be created.

Art. 72. Proceedings of tribunals in civil matters and hearings in criminal matters shall be public, in conformity with the law.

Art. 73. Binding interpretation of the laws is an exclusive prerogative of the legislative power.

GENERAL PROVISIONS

Art. 79. Titles of nobility are maintained for those who have a right to them. The King can confer new ones. 

Art. 80. No one can receive decorations, titles, or pensions from a foreign power without the authorization of the King. 

Art. 81. All laws contrary to the present Statute are abrogated. . . .
 

Given in Turin this day, the 4th of March in the year of our Lord 1848 and the 18th year of our reign.

CARLO ALBERTO

 
STATUTO DEL REGNO DI SARDEGNA
 

CARLO ALBERTO

per la grazia di Dio 

         RE DI SARDEGNA, DI CIPRO E DI GERUSALEMME

 Ecc. Ecc. Ecc.

Con lealtà di Re e con affetto di Padre Noi veniamo oggi a compiere quanto avevamo annunziato ai Nostri amatissimi sudditi col Nostro proclama dell' 8 dell'ultimo scorso febbraio, con cui abbiamo voluto dimostrare, in mezzo agli eventi straordinarii che circondavano il paese, come la Nostra confidenza in loro crescesse colla gravità delle circostanze, e come prendendo unicamente consiglio dagli impulsi del Nostro cuore fosse ferma Nostra intenzione di conformare le loro sorti alla ragione dei tempi, agli interessi ed alla dignità della Nazione. 

Considerando Noi le larghe e forti istituzioni rappresentative contenute nel presente Statuto Fondamentale come un mezzo il più sicuro di raddoppiare coi vincoli d'indissolubile affetto che stringono all'Italia Nostra Corona un Popolo, che tante prove Ci ha dato di fede, d'obbedienza e d'amore, abbiamo determinato di sancirlo e promulgarlo, nella fiducia che Iddio benedire le pure Nostre intenzioni, e che la Nazione libera, forte e felice si mostrerà sempre più degna dell'antica fama, e saprà meritarsi un glorioso avvenire. Perciò di Nostra certa scienza, Regia autorità, avuto il parere del
Nostro Consiglio, abbiamo ordinato ed ordiniamo in forza di Statuto e Legge fondamentale, perpetua ed irrevocabile della Monarchia, quanto segue: 

Art. 1. La Religione Cattolica, Apostolica e Romana è la sola Religione dello Stato. Gli altri culti ora esistenti sono tollerati conformemente alle leggi. 

Art. 2. Lo Stato è retto da un Governo Monarchico Rappresentativo. Il Trono è ereditario secondo la legge salica. 

Art. 3. Il potere legislativo sarà collettivamente esercitato dal Re e da due Camere: il Senato, e quella dei Deputati. 

Art. 4. La persona del Re è sacra ed inviolabile. 

Art. 5. Al Re solo appartiene il potere esecutivo. Egli è il Capo Supremo dello Stato: comanda tutte le forze di terra e di mare; dichiara la guerra: fa i trattati di pace, d'alleanza, di commercio ed altri, dandone notizia alle Camere tosto che l'interesse e la sicurezza dello Stato il permettano, ed unendovi le comunicazioni opportune. I trattati che importassero un onere alle finanze, o variazione di territorio dello Stato, non avranno effetto se non dopo ottenuto l'assenso delle Camere. 

Art. 6. Il Re nomina a tutte le cariche dello Stato; e fa i decreti e regolamenti necessarii per l'esecuzione delle leggi, senza sospenderne l'osservanza, o dispensarne.

Art. 7. Il Re solo sanziona le leggi e le promulga. 

Art. 8. Il Re può far grazia e commutare le pene. 

Art. 9. Il Re convoca in ogni anno le due Camere: può prorogarne le sessioni, e disciogliere quella dei Deputati; ma in quest'ultimo caso ne convoca un'altra nel termine di quattro mesi. 

Art. 10. La proposizione delle leggi apparterrà al Re ed a ciascuna delle due Camere. Però ogni legge d'imposizione di tributi, o di approvazione dei bilanci e dei conti dello Stato, sarà presentata prima alla Camera dei Deputati. . . .

Art. 22. Il Re, salendo al trono, presta in presenza delle Camere riunite il giuramento di osservare lealmente il presente Statuto. 

 DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI CITTADINI

Art. 24. Tutti i regnicoli, qualunque sia il loro titolo o grado, sono eguali dinanzi alla legge. Tutti godono egualmente i diritti civili e politici, e sono ammissibili alle cariche civili, e militari, salve le eccezioni determinate dalle Leggi. 

Art. 25. Essi contribuiscono indistintamente, nella proporzione dei loro averi, ai carichi dello Stato.

Art. 26. La libertà individuale è guarentita. Niuno può essere arrestato, o tradotto in giudizio, se non nei casi previsti dalla legge, e nelle forme ch'essa prescrive. 

Art. 27. Il domicilio è inviolabile. Niuna visita domiciliare può aver luogo se non in forza della legge, e nelle forme ch'essa prescrive. 

Art. 28. La Stampa sarà libera, ma una legge ne reprime gli abusi. Tuttavia le bibbie, i catechismi, i libri liturgici e di preghiere non potranno essere stampati senza il preventivo permesso del Vescovo. 

Art. 29. Tutte le proprietà, senza alcuna eccezione, sono inviolabili. Tuttavia quando l'interesse pubblico legalmente accertato, lo esiga, si può essere tenuti a cederle in tutto o in parte, mediante una giusta indennità conformemente alle leggi. 

Art. 30. Nessun tributo può essere imposto o riscosso se non è stato consentito dalle Camere e sanzionato dal Re. 

Art. 31. Il debito pubblico è garantito. Ogni impegno dello Stato verso i suoi creditori è inviolabile. 

Art. 32.  E' riconosciuto il diritto di adunarsi pacificamente e senz'armi, uniformandosi alle leggi che possono regolarne l'esercizio nell'interesse della cosa pubblica. Questa disposizione non è applicabile alle adunanze in luoghi pubblici, od aperti al pubblico, i quali rimangono intieramente soggetti alle leggi di polizia. 

                      DEL SENATO

Art. 33. Il Senato è composto di membri nominati a vita dal Re, in numero non limitato, aventi l'età, di quarant'anni
compiuti. . . .

Art. 34. I Principi della Famiglia Reale fanno di pien diritto parte del Senato. Essi seggono immediatamente dopo il Presidente. Entrano in Senato a vent'un anno, ed hanno voto a venticinque. 

Art. 35. Il Presidente e i Vice-Presidenti del Senato sono nominati dal Re. Il Senato nomina nel proprio seno i suoi Segretarii. . . .

Art. 37. Fuori del caso di flagrante delitto, niun Senatore può essere arrestato se non in forza di un ordine del Senato. Esso è solo competente per giudicare dei reati imputati ai suoi membri. 

            DELLA CAMERA DEI DEPUTATI

Art. 39. La Camera elettiva è composta di Deputati scelti dai Collegii Elettorali conformemente alla legge. 

Art. 40. Nessun Deputato può essere ammesso alla Camera, se non è suddito del Re, non ha compiuta l'età di
trent'anni, non gode i diritti civili e politici, e non riunisce in sé gli altri requisiti voluti dalla legge. 

Art. 41. I Deputati rappresentano la Nazione in generale, e non le sole provincie in cui furono eletti. Nessun mandato imperativo può loro darsi dagli Elettori. 

Art. 42. I Deputati sono eletti per cinque anni: il loro mandato cessa di pien diritto alla spirazione di questo termine. 

Art. 43. Il Presidente, i Vice-Presidenti e i Segretarii della Camera dei Deputati sono da essa stessa nominati nel
proprio seno al principio d'ogni sessione per tutta la sua durata. 

Art. 44. Se un Deputato cessa, per qualunque motivo, dalle sue funzioni, il Collegio che l'aveva eletto sarà tosto
convocato per fare una nuova elezione. 

Art. 45. Nessun Deputato può essere arrestato, fuori del caso di flagrante delitto, nel tempo della sessione, né
tradotto in giudizio in materia criminale, senza il previo consenso della Camera. 

Art. 46. Non può eseguirsi alcun mandato di cattura per debiti contro di un Deputato durante la sessione della
Camera, come neppure nelle tre settimane precedenti e susseguenti alla medesima. 

Art. 47. La Camera dei Deputati ha il diritto di accusare i Ministri del Re, e di tradurli dinanzi all'Alta Corte di
Giustizia. 

 DISPOSIZIONI COMUNI ALLE DUE CAMERE

Art. 48. Le sessioni del Senato e della Camera dei Deputati cominciano e finiscono nello stesso tempo. Ogni riunione di una Camera fuori del tempo della sessione dell'altra è illegale, e gli atti ne sono intieramente nulli. 

Art. 49. I Senatori ed i Deputati prima di essere ammessi all'esercizio delle loro funzioni prestano il giuramento di essere fedeli al Re di osservare lealmente lo Statuto e le leggi dello Stato e di esercitare le loro funzioni col solo scopo del bene inseparabile del Re e della Patria. 

Art. 50. Le funzioni di Senatore e di Deputato non danno luogo ad acuna retribuzione od indennità. 

Art. 51. I Senatori ed i Deputati non sono sindacabili per ragione delle opinioni da loro emesse e dei voti dati nelle Camere. 

Art. 52. Le sedute delle Camere sono pubbliche. Ma, quando dieci membri ne facciano per iscritto la domanda, esse possono deliberare in segreto. . . .

Art. 54. Le deliberazioni non possono essere prese se non alla maggiorità de' voti. 

Art. 55. Ogni proposta di legge debb'essere dapprima esaminata dalle Giunte che saranno da ciascuna Camera
nominate per i lavori preparatorii. Discussa ed approvata da una Camera, la proposta sarà trasmessa all'altra per la
discussione ed approvazione; e poi presentata alla sanzione del Re. Le discussioni si faranno articolo per articolo. 

Art. 56. Se un progetto di legge è stato rigettato da uno dei tre poteri legislativi, non potrà essere più riprodotto nella stessa sessione. . . .

Art. 62. La lingua italiana è la lingua officiale delle Camere. E' però facoltativo di servirsi della francese ai membri, che appartengono ai paesi, in cui questa è in uso, od in risposta ai medesimi. . . .

Art. 64. Nessuno può essere ad un tempo Senatore e Deputato. 

                                DEI MINISTRI

Art. 65. Il Re nomina e revoca i suoi Ministri. 

Art. 66. I Ministri non hanno voto deliberativo nell'uno o nell'altra Camera se non quando ne sono membri. Essi vi hanno sempre l'ingresso, e debbono essere sentiti sempre che lo richieggano. 

Art. 67. I Ministri sono risponsabili. Le Leggi e gli Atti del Governo non hanno vigore, se non sono muniti della firma di un Ministro. 

     DELL'ORDINE GIUDIZIARIO

Art. 68. La Giustizia emana dal Re, ed è amministrata in suo Nome dai Giudici ch'Egli istituisce. 

Art. 69. I Giudici nominati dal Re, ad eccezione di quelli di mandamento, sono inamovibili dopo tre anni di esercizio. 

Art. 70. I Magistrati, Tribunali, e Giudici attualmente esistenti sono conservati. Non si potrà derogare
all'organizzazione giudiziaria se non in forza di una legge. 

Art. 71. Niuno può essere distolto dai suoi Giudici naturali. Non potranno perciò essere creati Tribunali o
Commissioni straordinarie. 

Art. 72.  Le udienze dei Tribunali in materia civile, e i dibattimenti in materia criminale saranno pubblici conformemente
alle leggi. 

Art. 73. L'interpretazione delle leggi, in modo per tutti obbligatorio, spetta esclusivamente al potere legislativo. 

               DISPOSIZIONI GENERALI

Art. 79. I titoli di nobiltà sono mantenuti a coloro, che vi hanno diritto. Il Re può conferirne dei nuovi. 

Art. 80. Niuno può ricevere decorazioni, titoli, o pensioni da una potenza estera senza l'autorizzazione del Re. 

Art. 81. Ogni legge contraria al presente Statuto è abrogata. . . .

       Dato in Torino addì quattro del mese di marzo l'anno del Signore mille ottocento quarantotto, e del Regno
Nostro il decimo ottavo. 

                            CARLO ALBERTO
 

 Back to Introduction Back to Syllabus