Futurist Manifesto, by Filippo Tommaso Marinetti
Foundation and Manifesto of Futurism

Pubblished by "Figaro" in Paris 
20 February 1909

We had stayed up all night, my friends and I, under hanging mosque lamps with domes of filigreed brass, domes starred like our spirits, shining like them with the prisoned radiance of electric hearts. For hours we had trampled our atavistic ennui into rich oriental rugs, arguing up to the last confines of logic and blackening many reams of paper with our frenzied scribbling. 

An immense pride was buoying us up, because we felt ourselves alone at that hour, alone, awake, and on our feet, like proud beacons or forward sentries against an army of hostile stars glaring down at us from their celestial encampments. Alone with stokers feeding the hellish fires of great ships, alone with the black spectres who grope in the red-hot bellies of locomotives launched on their crazy courses, alone with drunkards reeling like wounded birds along the city walls. 

Suddenly we jumped, hearing the mighty noise of the huge double-decker trams that rumbled by outside, ablaze with colored lights, like villages on holiday suddenly struck and uprooted by the flooding Po and dragged over falls and through gourges to the sea. 

Then the silence deepened. But, as we listened to the old canal muttering its feeble prayers and the creaking bones of sickly palaces above their damp green beards, under the windows we suddenly heard the famished roar of automobiles.

“Let’s go!” I said. “Friends, away! Let’s go! Mythology and the Mystic Ideal are defeated at last. We’re about to see the Centaur’s birth and, soon after, the first flight of Angels!... We must shake at the gates of life, test the bolts and hinges. Let’s go! Look there, on the earth, the very first dawn! There’s nothing to match the splendor of the sun’s red sword, slashing for the first time through our millennial gloom!” 

We went up to the three snorting beasts, to lay amorous hands on their torrid breasts. I stretched out on my car like a corpse on its bier, but revived at once under the steering wheel, a guillotine blade that threatened my stomach. 

The raging broom of madness swept us out of ourselves and drove us through streets as rough and deep as the beds of torrents. Here and there, sick lamplight through window glass taught us to distrust the deceitful mathematics of our perishing eyes. 

I cried, “The scent, the scent alone is enough for our beasts.” 

And like young lions we ran after Death, its dark pelt blotched with pale crosses as it escaped down the vast violet living and throbbing sky. 

But we had no ideal Mistress raising her divine form to the clouds, nor any cruel Queen to whom to offer our bodies, twisted like Byzantine rings! There was nothing to make us wish for death, unless the wish to be free at last from the weight of our courage! 

And on we raced, hurling watchdogs against doorsteps, curling them under our burning tires like collars under a flatiron. Death, domesticated, met me at every turn, gracefully holding out a paw, or once in a while hunkering down, making velvety caressing eyes at me from every puddle. 

“Let’s break out of the horrible shell of wisdom and throw ourselves like pride-ripened fruit into the wide, contorted mouth of the wind! Let’s give ourselves utterly to the Unknown, not in desperation but only to replenish the deep wells of the Absurd!” 

The words were scarcely out of my mouth when I spun my car around with the frenzy of a dog trying to bite its tail, and there, suddenly, were two cyclists coming towards me, shaking their fists, wobbling like two equally convincing but nevertheless contradictory arguments. Their stupid dilemma was blocking my way—Damn! Ouch!... I stopped short and to my disgust rolled over into a ditch with my wheels in the air... 

O maternal ditch, almost full of muddy water! Fair factory drain! I gulped down your nourishing sludge; and I
remembered the blessed black beast of my Sudanese nurse... When I came up—torn, filthy, and  tinking—from under the capsized car, I felt the white-hot iron of joy deliciously pass through my heart! 

A crowd of fishermen with handlines and gouty naturalists were already swarming around the prodigy. With patient,
loving care those people rigged a tall derrick and iron grapnels to fish out my car, like a big beached shark. Up it came from the ditch, slowly, leaving in the bottom, like scales, its heavy framework of good sense and its soft upholstery of comfort. 

They thought it was dead, my beautiful shark, but a caress from me was enough to revive it; and there it was, alive again, running on its powerful fins! 

And so, faces smeared with good factory muck—plastered with metallic waste, with senseless sweat, with celestial soot—we, bruised, our arms in slings, but unafraid, declared our high intentions to all the living of the earth: 

Manifesto of Futurism 

   1.We intend to sing the love of danger, the habit of energy and fearlessness. 

   2.Courage, audacity, and revolt will be essential elements of our poetry. 

   3.Up to now literature has exalted a pensive immobility, ecstasy, and sleep. We intend to exalt aggresive action, a
 feverish insomnia, the racer’s stride, the mortal leap, the punch and the slap. 

   4.We affirm that the world’s magnificence has been enriched by a new beauty: the beauty of speed. A racing car whose hood is adorned with great pipes, like serpents of explosive breath—a roaring car that seems to ride on
grapeshot is more beautiful than the Victory of Samothrace. 

   5.We want to hymn the man at the wheel, who hurls the lance of his spirit across the Earth, along the circle of its

   6.The poet must spend himself with ardor, splendor, and generosity, to swell the enthusiastic fervor of the
primordial elements. 

   7.Except in struggle, there is no more beauty. No work without an aggressive character can be a masterpiece.
Poetry must be conceived as a violent attack on unknown forces, to reduce and prostrate them before man. 

   8.We stand on the last promontory of the centuries!... Why should we look back, when what we want is to break down the mysterious doors of the Impossible? Time and Space died yesterday. We already live in the absolute,  because we have created eternal, omnipresent speed. 

   9.We will glorify war—the world’s only hygiene—militarism, patriotism, the destructive gesture of
freedom-bringers, beautiful ideas worth dying for, and scorn for woman. 

  10.We will destroy the museums, libraries, academies of every kind, will fight moralism, feminism, every opportunistic or utilitarian cowardice. 

  11.We will sing of great crowds excited by work, by pleasure, and by riot; we will sing of the multicolored,
polyphonic tides of revolution in the modern capitals; we will sing of the vibrant nightly fervor of arsenals and
shipyards blazing with violent electric moons; greedy railway stations that devour smoke-plumed serpents;
factories hung on clouds by the crooked lines of their smoke; bridges that stride the rivers like giant gymnasts,
flashing in the sun with a glitter of knives; adventurous steamers that sniff the horizon; deep-chested locomotives
whose wheels paw the tracks like the hooves of enormous steel horses bridled by tubing; and the sleek flight of  planes whose propellers chatter in the wind like banners and seem to cheer like an enthusiastic crowd.

It is from Italy that we launch through the world this violently upsetting incendiary manifesto of ours. With it, today, we establish Futurism, because we want to free this land from its smelly gangrene of professors, archaeologists, ciceroni and antiquarians. For too long has Italy been a dealer in second-hand clothes. We mean to free her from the numberless museums that cover her like so many graveyards. 

Museums: cemeteries!... Identical, surely, in the sinister promiscuity of so many bodies unknown to one another.
Museums: public dormitories where one lies forever beside hated or unknown beings. Museums: absurd abattoirs of painters and sculptors ferociously slaughtering each other with color-blows and line-blows, the length of the fought-over walls! 

That one should make an annual pilgrimage, just as one goes to the graveyard on All Souls’ Day—that I grant. That once a year one should leave a floral tribute beneath the Gioconda, I grant you that... But I don’t admit that our sorrows, our fragile courage, our morbid restlessness should be given a daily conducted tour through the museums. Why poison ourselves? Why rot? 

And what is there to see in an old picture except the laborious contortions of an artist throwing himself against the barriers that thwart his desire to express his dream completely?... Admiring an old picture is the same as pouring our sensibility into a funerary urn instead of hurtling it far off, in violent spasms of action and creation. 

Do you, then, wish to waste all your best powers in this eternal and futile worship of the past, from which you emerge fatally exhausted, shrunken, beaten down? 

In truth I tell you that daily visits to museums, libraries, and academies (cemeteries of empty exertion, Calvaries of crucified dreams, registries of aborted beginnings!) are, for artists, as damaging as the prolonged supervision by parents of certain young people drunk with their talent and their ambitious wills. When the future is barred to them, the admirable past may be a solace for the ills of the moribund, the sickly, the prisoner... But we want no part of it, the past, we the young and strong Futurists! 

So let them come, the gay incendiaries with charred fingers! Here they are! Here they are!... Come on! set fire to the library shelves! Turn aside the canals to flood the museums!... Oh, the joy of seeing the glorious old canvases bobbing adrift on those waters, discolored and shredded!... Take up your pickaxes, your axes and hammers and wreck, wreck the venerable cities, pitilessly! 

The oldest of us is thirty: so we have at least a decade for finishing our work. When we are forty, other younger and
stronger men will probably throw us in the wastebasket like useless manuscripts—we want it to happen! 

They will come against us, our successors, will come from far away, from every quarter, dancing to the winged cadence of their first songs, flexing the hooked claws of predators, sniffing doglike at the academy doors the strong odor of our decaying minds, which will have already been promised to the literary catacombs. 

But we won’t be there... At last they’ll find us—one winter’s night—in open country, beneath a sad roof drummed by a monotonous rain. They’ll see us crouched beside our trembling aeroplanes in the act of warming our hands at the poor little blaze that our books of today will give out when they take fire from the flight of our images. 

They’ll storm around us, panting with scorn and anguish, and all of them, exasperated by our proud daring, will hurtle to kill us, driven by a hatred the more implacable the more their hearts will be drunk with love and admiration for us. 

Injustice, strong and sane, will break out radiantly in their eyes. 

Art, in fact, can be nothing but violence, cruelty, and injustice. 

The oldest of us is thirty: even so we have already scattered treasures, a thousand treasures of force, love, courage, astuteness, and raw will-power; have thrown them impatiently away, with fury, carelessly, unhesitatingly, breathless, and unresting... Look at us! We are still untired! Our hearts know no weariness because they are fed with fire, hatred, and speed!... Does that amaze you? It should, because you can never remember having lived! Erect on the summit of the world, once again we hurl our defiance at the stars! 

You have objections?—Enough! Enough! We know them... We’ve understood!... Our fine deceitful intelligence tells us that we are the revival and extension of our ancestors—Perhaps!... If only it were so!—But who cares? We don’t want to understand!... Woe to anyone who says those infamous words to us again! 

Lift up your heads! 

Erect on the summit of the world, once again we hurl defiance to the stars! 

The following site has many links to more fururist manifestos, images, and paintings:



Fondazione e Manifesto del futurismo.

Pubblicato dal “Figaro” di Parigi il 20 Febbraio 19O9.

Avevamo vegliato tutta la notte — i miei amici ed io—sotto lampade di moschea dalle cupole di ottone traforato, stellate come le nostre anime, perchè come queste irradiate dal chiuso fulgore di un cuore elettrico. Avevamo lungamente calpestata sul opulenti tappeti orientali la nostra atavica accidia, discutendo davanti ai confini estremi della logica ed annerendo molta carta di frenetiche scritture. 

Un immenso orgoglio gonfiava i nostri petti, poich è ci sentivamo soli in quell'ora, ad esser desti e ritti, come fari superbi o come sentinelle avanzate, di fronte all'esercito delle stelle nemiche, occhieggianti dai loro celesti accampamenti. Soli coi fuochisti che s’ agitano davanti ai forni infernali delle grandi navi, soli coi neri fantasmi che frugano nelle pance arroventate delle locomotive lanciate a pazza corsa, soli cogli ubriachi annaspanti, con un  incerto batter d’ali lungo I  muri della città.

Sussultammo ad un tratto. all' udire il rumore formidabile deg]i enormi tramvai a due piani, che passano sobbalzando, risplendenti di luci multicolori, come i villaggi in festa che il Po straripato squassa e sradica d'improviso, per trascinarli fino al mare, sulle cascate e attraverso i gorghi di un diluvio.

Poi il silenzio divenne più cupo. Ma mentre ascoltavamo l'estenuato borbottio di preghiere del vecchio canale e lo scricchiolar dell' ossa dei palazzi moribondi sulle loro barbe di umida verdura, noi udimmo subitamente ruggire sotto le finestre gli automobili famelici.

—Andiamo, diss' io; andiamo, amici ! Partiamo ! Finalmente, la mitologia e l'ideale mistico sono superati. Noi stiamo per assistere alla nascita del Centauro e presto vedremo volare i primi Angeli !.... Bisognerà scuotere le porte della vita per provarne i cardini e i chiavistelli !.... Partiamo ! Ecco, sulla terra, la primissima aurora ! Non v' è cosa che agguagli lo splendore della rossa spada del sole che schermeggia per la prima volta nelle nostre tenebre millenarie !...

Ci avvicinammo alle tre belve sbuffanti, per palparne amorosamente i torridi petti. Io mi stesi sulla mia macchina come un cadavere nella bara, ma subito risuscitai sotto il volante, lama di ghigliottina che minacciava il mio stomaco.

La furente scopa della pazzia ci strappò a noi stessi e ci cacciò attraverso le vie, scoscese e profonde come letti di torrenti. Qua e là una lampada malata, dietro i vetri d'una finestra, c'insegnava a disprezzare la fallace matematica dei nostri occhi perituri.

Io gridai:—II fiuto, il fiuto solo, basta alle belve!

E noi, come giovani leoni, inseguivamo la Morte, dal pelame nero maculato di pallide croci, che correva via pel vasto cielo violaceo, vivo e palpitante.

Eppure non avevamo un' Amante ideale che ergesse fino alle nuvole la sua sublime figura, nè una Regina crudele a cui offrire le nostre salme, contorte  a guisa di anelli bisantini ! Nulla, per voler morire, se non il desiderio di liberarci finalmente dal nostro coraggio troppo pesante !

E noi correvamo schiacciando su le soglie delle case i cani da guardia che si arrotondavano; sotto i nostri pneumatici scottanti, come solini sotto il ferro da stirare. La Morte, addomesticata, mi sorpassava ad ogni svolto, per porgermi la zampa con grazia e a quando a quando si stendeva a terra con un rumore di mascelle stridenti, mandandomi, da ogni pozzanghera, sguardi vellutati e carezzevoli.

— Usciamo  dalla saggezza come da un orribile guscio, e gettiamoci, come frutti pimentati d'orgoglio entro la bocca immensa e torta del vento!... Diamoci in pasto all' Ignoto, nou già per disperazione, ma soltanto per colmare i profondi pozzi dell'Assurdo !

Avevo appena pronunziate queste parole, quando girai bruscamente su me stesso, con la stessa ebrietà folle dei cani che voglion mordersi la coda, ed ecco ad un tratto venirmi incontro due ciclisti, che mi diedero torto , titubando davanti a me come due ragionamenti, entrambi persuasivi e nondimeno contradittorii. II loro stupido dilemma discuteva sul mio terreno.... Che noia ! Auff !... Tagliai corto, e, pel disgusto, mi scaraventai colle ruote all'aria in un fossato....

Oh ! materno fossato, quasi pieno di un'acqua fangosa! Bel fossato d'officina! Io gustai avidamente la tua melma fortificante, che mi ricordò 1a santa mammella nera della mia nutrice sudanese.... Quando mi i sollevai —cencio sozzo e puzzolente— di sotto la macchina capovolta, io mi sentii attraversare il cuore, deliziosamente, dal ferro arroventato della gioia. !

Una folla di pescatori armati di lenza e di naturalisti podagrosi tumultuava gia intorno al prodigio. Con cura paziente e meticolosa, quella gente dispose alte armature ed enormi reti di ferro per pescare il mio automobile, simile ad un gran pescecane arenato. La macchina emerse lentamente dal fosso, abbandonando nel fondo, come squame, la sua pesante carrozzeria di buon senso e le sue morbide imbottiture di comodità.

Credevano che fosse morto il mio bel pescecane, ma una mia carezza bastò  a rianimarlo, ed eccolo risuscitato, eccolo in corsa, di nuovo, sulle sue pinne possenti !

Allora, col volto coperto della buoua melma delle officine—impasto di scorie metalliche, di sudori inutili, di fuliggini celesti— noi, contusi e fasciate le braccia ma impavidi, dettammo le nostre prime volonta a tutti gli uomini vivi della terra:

Manifesto del futurismo.

1. Noi vogliamo cantare 1'amor del pericolo, l’ abitudine all'energia e alla temerità.

2. Il coraggio, l'audacia, la ribellione, saranno elementi essenziali della nostra poesia.

3. La letteratura esaltò fino ad oggi l'immobilità pensosa. I'estasi e il sonno. Noi vogliamo esaltare il movimento aggressivo, l'insonnia febbrile, il passo di corea, il salto mortale, lo schiaffo ed il pugno.

4. Noi affermiamo che la magnificenza del mondo si e arricchita di una bellezza nuova: la bellezza della velocita. Un automobile da corsa col suo cofano adorno di grossi tubi simili a serpenti dall'alito esplosivo.... un automobile ruggente, che sembra correre sulla mitraglia, e più bello della Vittoria di Samotracia.

5.  Noi vogliamo inneggiare all'uomo che tiene il volante, la cui asta ideale attraversa la Terra, lanciata a corsa, essa pure, sul circuito della sua orbita.

6. Bisogna che il poeta si prodighi, con ardore, sfarzo e munificenza, per aumentare l’entusiastico fervore degli elementi primordiali.

7. Non v' è pi bellezza, se non nella lotta. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo può essere un capolavoro. La poesia deve essere concepita come un violento assalto contro le forze ignote, per ridurle a prostrarsi davanti all'uomo.

8. Noi siamo sul promontorio estremo dei secoli !.. Perche dovremmo guardarci alle spalle, se vogliamo sfondare le misteriose porte dell'Impossibile ? II Tempo e lo Spazio morirono ieri. Noi viviamo già nell'assoluto, poiche abbiamo già creata l'eterna velocità onnipresente.

9. Noi vogliamo glorificare la guerra —sola igiene del mondo—il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore dei libertari, le belle idee per cui si muore e il disprezzo della donna.

 10. Noi vogliamo distruggere i musei, le biblioteche, le accademie d'ogni specie, e combattere contro il moralismo, il femminismo e contro ogni viltà  opportunistica o utilitaria.

11. Noi canteremo le grandi folle agitate dal lavoro, dal piacere o dalla sommossa: canteremo le maree multicolori e polifoniche delle rivoluzioni nelle capitali moderne; canteremo il vibrante fervore notturno degli arsenali e dei cantieri incendiati da violente lune elettriche; le stazioni ingorde, divoratrici di serpi che fumano; le officine appese alle novole pei contorti fili dei loro fumi; i ponti simili a ginnasti giganti che scavalcano i fiumi, balenanti al sole con un luccichio di coltelli; i piroscafi avventurosi che fiutano l'orizzonte, le locomotive dall'ampio petto, che scalpitano sulle rotaie, come enormi cavalli d' acciaio imbrigliati di tubi, e il volo scivolante degli aereoplani, la cui elica garrisce al vento come una bandiera e sembra applaudire come una folla entusiasta.

È dall'Italia, che noi lanciamo pel mondo questo nostro manifesto di violenza travolgente e incendiaria, col quale fondiamo oggi il Futurismo  perche vogliamo liberare questo paese dalla sua fetida cancrena di professori, d' archeologhi, di ciceroni e d' antiquarii.

Gia per troppo tempo l'Italia e stata un mercato di rigattieri. Noi vogliamo liberarla dagl'innumerevoli musei che la coprono tutta di cimiteri innumerevoli.

Musei : cimiteri !... Identici, veramente per la sinistra promiscuità di tanti corpi che non si conoscono. Musei: dormitori pubblici in cui si riposa per sempre accanto ad esseri odiati o ignoti ! Musei: assurdi macelli di pittori e scultori che vanno trucidando si ferocemente a colpi di colori e di linee, lungo le pareti contese!

Che ci si vada in pellegrinaggio, una volta all'anno, come si va al Camposanto nel giorno dei morti.... velo concedo. Che una volta all'anno sia deposto un omaggio di fiori alla Giocanda, ve lo concedo…. Ma non ammetto che si conducano quotidianamentee a passeggio per I musei le notstere tristezze, il nostro fragile coraggio, la nostra morbosa inquietudine. Perchè volersi avellenare? Perchè volere imputridire?

E se mai si può vedere, in un vecchio quadro, se non la faticosa  contorsione dell’artista, che si sforzò di infrangere le insuperabili barriere opposte al desiderio di esprimere interamente il suo sogno?…Amirare un quadro antico equivale  a versare la nostra sensibilità in un’urna funeraria, invece di proiettarla lontano, in violenti getti di creazione e di azione. 

Volete dunque sprecare tutte lo vostre forze migliori, in qusta eterna ed inutile ammirazione del passato, da cui uscite fatalmente esausti, diminuiti e calpesti?

In verità io vi dichiaro che la frequentazione quotidiana dei musei, delle biblioteche e delle accademie (cimiteri di sforzi vani calvarii di sogni crocifissi,  registri di slanci troncati !...) è, per gli artisti, altrettanto dannosa che la tutela prolungata dei parenti per certi giovani ebbri del loro ingegno e della loro volontà ambiziosa. Per i moribondi, per gl'infermi, pei prigionieri sia pure: —I'ammirabile passato è forse un balsamo ai loro mali, poichè per essi l'avvenire è sbarrato.... Ma noi non vogliamo più saperne, del passato, noi, giovani e forti futuristi!

E vengano dunque, gli allegri incendiarii dalle dita carbonizzate! Eccoli! Eccoli !... Suvvia ! date fuoco agli scaffali delle biblioteche !... Sviate il corso dei canali, per inondare i musei !... Oh, la gioia di veder galleggiare alla derive, lacere e stinte su quelle acque, le vecchie tele gloriose !... Impugnate i picconi, le scuri, i martelli e demolite, demolite senza pietà le città venerate !

I piu anziani fra noi, hanno trenttanni: ci rimane dunque almeno un decennio, per compier l’opera nostra. Quando avremo quarant' anni, altri uomini più giovani e più validi di noi, ci gettino pure nel cestino, comc manoscritti imltili.—Noi lo desideriamo !

Verranno contro di noi, i nostri successori; verranno di lontano, da ogni parte, danzando su la cadenza alata dei loro primi canti, protendendo dita adunche di predatori, e fiutando caninamentc, alle porte dello accademie, il buon odore delle nostre menti in putrefazione, già promesse alle catacombe delle biblioteche.

Ma noi non saremo là.... Essi ci troveranno alfine —una notte d'inverno—in aperta campagna, sotto una triste tettoia tamburellata da una pioggia monotona. e ci vedranno accoccolati accanto ai nostri aeroplani trepidanti e nell atto di scaldarci le mani al fuocherello meschino che daranno i nostri libri d'oggi fiammeggiando sotto il volo delle nostre immagini.

Essi tumultueranno intorno a noi, ansando per angoseia e per dispetto, e tutti, esasperati dal nostro superbo, instancabile ardire, si avventeranno per ucciderci, spinti da un'odio tanto più implacabile inquantoche i loro cuori saranno ebbri di amore e di ammirazione per noi.

La forte e sana Ingiustizia scoppierà radiosa nei loro occhi.—L’ arte, infatti, non può essere che violenza, crudeltà ed ingiustizia.

I piu anziani fra noi hanno trenttanni: eppure, noi abbiamo gia sperperati tesori, mille tesori di forza, di amore. d'audacia, d'astuzia e di rude volontà: li abbiamo gettati via impazientemente, in furia, senza contare, senza mai esitare, senza riposarci mai, a perdifiato.... Guardateci! Non siamo ancora spossati ! I nostri cuori non sentono alcuna stanchezza, poichè  sono nutriti di fuoco, di odio e di velocità !... Ve ne stupite ?... È logico, poichè voi non vi ricordate nemmeno di aver vissuto ! Ritti sulla cima del mondo, noi scagliamo una volta ancora, la nostra sfida alle stelle!

Ci opponete delle obiezioni?... Basta! Basta! Le conosciamo.... Abbiamo capito !... La nostra bella e mendace intelligenza ci afferma che noi siamo il riassunto e il prolungameuto degli avi nostri.—Forse!... Sia pure !.... Ma che importa ? Non vogliamo intendere !... Guai a chi ci ripeterà queste parole infami !..

Azate la testa!...

Ritti sulla cima del mondo, noi scagliamo una volta ancora, la nostra sfida alle stelle!...

Back to Introduction